Le malattie rappresentano una minaccia costante per la produzione della vite e possono causare considerevoli danni economici e produttivi. La peronospora della vite, causata dall’oomicete Plasmopara viticola, è un’importante malattia nei vigneti situati in aree con piogge frequenti e piantati con cultivar sensibili di Vitis vinifera. P. viticola ha forme riproduttive dimorfiche, cioè forme sessuali e asessuate, che sono responsabili rispettivamente di infezioni da primarie e secondarie. Le oospore rappresentano lo stadio sessuale di P. viticola e si formano dopo la fusione di un anteridio e un ovogonio nel tessuto fogliare colpito da metà estate all’autunno. La formazione di oospore non richiede temperature particolari ma sembra essere favorita da condizioni di siccità (che impediscono la sporulazione asessuata) o dalla senescenza fogliare. Le oospore svernano nella lettiera fogliare sopra la superficie del suolo. Durante l’inverno, le oospore raggiungono la maturità morfologica, cioè la parete dell’oospora diventa spessa, i nuclei si fondono, si forma un ooplasto e grandi globuli lipidici si separano in quelli più piccoli.  La germinazione delle oospore morfologicamente mature è impedita dalla dormienza, un processo regolato dall’ambiente, dalla permeabilità dei nutrienti e dagli inibitori endogeni. Quando la dormienza viene interrotta, le oospore sono considerate fisiologicamente mature e sono in grado di germogliare in condizioni ambientali favorevoli. La germinazione delle oospore si conclude con la formazione di un macrosporangio contenente zoospore. La germinazione delle oospore richiede una temperatura minima di 12-13 ° C (quella ottimale è compresa tra 20 e 24 ° C), e richiede anche l’umidificazione della lettiera fogliare dalle precipitazioni o dal flusso d’acqua dall’atmosfera. Le condizioni di siccità prolungano il periodo di dormienza e possono danneggiare le oospore. Alcune oospore rimangono dormienti ma vitali per un’intera stagione o anche per diversi anni.

 

Le oospore sono l’unica fonte di inoculo per le infezioni primarie di P. viticola , e per lungo tempo si è ritenuto che giocassero un ruolo solo nell’innesco dell’epidemia all’inizio della stagione; il successivo aumento esplosivo della malattia è stato attribuito alla moltiplicazione asessuata e alle infezioni secondarie. L’uso di microsatelliti a DNA, ha consentito l’identificazione di genotipi che causano lesioni fogliari singole, ed evidenziato che P. viticola entra nell’epidemia durante la maggior parte della stagione di crescita della vite, indicando che le oospore continuano a germogliare per tutta la stagione e che l’inoculo primario non solo innesca le epidemie ma contribuisce al loro progresso. Le oospore costituiscono un mix di inoculi molto ampio e diversificato, che porta a una popolazione di patogeni con elevata diversità genotipica. Questa diversità consente all’agente patogeno di adattarsi a diversi microclimi e diverse varietà di ospiti.

 

La rilevazione delle oospore di P. viticola nel tessuto delle foglie d’uva si è basata principalmente su due metodi: 1) osservazioni microscopiche dirette dopo la rimozione delle foglie e la colorazione o dopo la filtrazione del tessuto fogliare; e 2) stima indiretta tramite un saggio biologico “disco foglia d’uva fluttuante”. In quest’ultimo saggio, i frammenti fogliari contenenti oospore vengono immersi in acqua in presenza di dischi fogliari fluttuanti non infestati in modo che le zoospore provenienti dalle oospore nuotino verso gli stomi dei dischi e causino infezioni, la cui gravità è proporzionale al numero di oospore. Questi metodi sono stati utilizzati per studiare i processi di formazione e germinazione delle oospore, tipi di accoppiamento, resistenza ai fungicidi in oospore e la produzione di oospore in cultivar di vite parzialmente resistenti.  I metodi sono stati utilizzati anche per valutare l’effetto delle condizioni ambientali sulla maturazione delle oospore e sulle dinamiche di germinazione nei vigneti.

 

Materiali e metodi

 

Materiale vegetale e P. viticola

 

Nel 2018, P. viticola sporangia e oospore sono stati raccolti da appezzamenti di vite non trattati con fungicidi situati in un vigneto sperimentale (cv. Merlot) nel campus dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (UCSC) di Piacenza (Italia ).

 

Alla fine di maggio del 2018, gli sporangi di P. viticola sono stati raccolti da foglie che mostravano lesioni tipiche del (macchie di olio) con sporulazione fresca sulla superficie abassiale della lamina fogliare. Un tampone di cotone sterile è stato utilizzato per rimuovere delicatamente gli sporangi, che sono stati sospesi in acqua distillata sterile ed esaminati con un microscopio ottico (ingrandimento 40 ×). Dopo che la sospensione sporangiale è stata centrifugata a 14.000 rpm per 10 min, la fase acquosa è stata scartata e gli sporangi nel pellet sono stati conservati a -20 ° C fino a quando non sono stati utilizzati per l’estrazione del DNA genomico.

 

Alla fine di settembre del 2018, le foglie che mostravano i tipici sintomi simili a un mosaico sono state raccolte dalle viti nel vigneto sperimentale (cv. Merlot).  Anche se ancora attaccate alle viti al momento della raccolta, le foglie erano malate e senescenti e sarebbero presto cadute in superficie. I piccioli fogliari sono stati rimossi e le lame fogliari sono state avvolte in carta assorbente inumidita per prevenire l’essiccazione, poste in sacchetti di polietilene e conservate a 4 ° C. Per confermare la presenza di oospore di P. viticola  nelle foglie appena raccolte, pezzi di foglia (1-2 cm 2) con lesioni tipiche a mosaico sono state immerse in una soluzione di acido acetico-etanolo (1/3 v / v) per una notte a temperatura ambiente. I pezzi di foglia sbiancati sono stati risciacquati in acqua distillata ed esaminati mediante microscopio ottico a 10-20 ingrandimenti. Pezzi di foglie (circa 1–2 cm 2) sono state tagliate dalle lame fogliari con sintomi simili a mosaico, pesate con una bilancia analitica (RADWAG PS45000 / C2. Radom, Polonia), e quindi macinate finemente in una malta contenente 20 mL di acqua distillata sterile. L’omogenato è stato fatto passare attraverso una serie di tre filtri in nylon con dimensioni dei pori di 100, 75 e 45 μm mediante lavaggio accurato con acqua distillata sterile. Il materiale trattenuto sul filtro a rete da 45 μm, che si presumeva contenesse le oospore in base alla loro dimensione, è stato risospeso in 15 mL di acqua distillata sterile. Le oospore di P. viticola raccolte sono state contate con un emocitometro a 40 ×,  e i conteggi sono stati espressi come numero di oospore per millilitro di sospensione e per grammo di foglia. Quest’ultimo peso si riferisce alle foglie avvolte in carta assorbente, per le quali 1 g di foglia avvolta = 1,3 g di foglia fresca = 0,34 g di foglia secca (cioè dopo essiccazione a 65 ° C per 24 h). Sono state utilizzate anche foglie senescenti non infestate, raccolte da piante di vite in vaso (cv. Merlot) che crescevano in isolamento in una serra del campus universitario.

 

  • 1 Department of Sustainable Crop Production, DI.PRO.VE.S., Università Cattolica del Sacro Cuore, Piacenza, Italia
  • 2 Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali – Produzione, Territorio e Agroenergia (DiSAA), Università degli Studi di Milano, Milano, Italia

 


 

 

Per approfondimenti sui metodi per la quantificazione delle oospore compila il modulo.

    Categorie

    Articoli recenti

    Archivi

    Meta

    Commenti recenti

      Prodotti per Categoria