Piante ospiti: Vite


Identificazione e sintomi

Il patogeno è stato classificato nel 1987 come ”Xylella fastidiosa” e posizionato in un sottogruppo degli Eubatteri. Questa malattia compare all’inizio dell’estate con alterazioni cromatiche della lamina fogliare, seguite da necrosi.

Le alterazioni cromatiche sono:

  • per le uve bianche: alterazioni di colore giallo;
  • per le uve rosse: alterazioni di colore rossastro.

Il danno più rilevante consiste nel distacco della lamina dal picciolo che, tuttavia, rimane attaccato al tralcio. I grappoli manifestano sintomi atipici con appassimenti e disseccamenti eterogenei. I tralci presentano necrosi con striature clorotiche e vegetazione ritardata ed una scarsa lignificazione; in sezione evidenziano disformità istologiche ed alterazioni negli elementi vascolari. Questa malattia si trasmette attraverso il materiale di propagazione vegetativo e mediante le punture di alcuni insetti come le Cicaline e i Cercopidi. Il patogeno provoca alterazioni anche a carico di Drupacee, Querce, Aceri, Platano e Olmo.


acqua agricoltura biologica alimentazione biodiversità biologico calcio concimi dacus oleae difesa biologica erboristeria escoriosi fisiologia vegetale fitopatologia formulamayer fotosintesi fotovoltaico glomus humus insetticidi irrigazione lattuga lotta integrata magnesio marciume apicale mayer braun Micelio micorrize mosca dell'olivo nutrizione Oidio olivo olter ortaggi peronospora piante medicinali pomodoro risparmio idrico rogna dell'olivo sostanza organica stomi tignola traspirazione trattamenti Trilussa vite