Oops...
Slider with alias none not found.
  • Phytophthora Infestans
  • Divisione: Eumycota
  • Sott. Div.: Mastigomycotina
  • Classe: Oomycetes

identificazione e sintomi

La Phytophthora Infestans è un fungo polifago le cui popolazioni sono costituite da ceppi che, frequentemente, si specializzano dando origine a dei gruppi subspecifici, adattati e specifici per l’uno o l’altro ospite. La peronospora del pomodoro è una malattia abbastanza grave sia in coltura protetta ma soprattutto in pieno campo, in relazione ad andamenti climatici particolari (umidità stagnante,nebbia, rugiada intensa o piogge ravvicinate e temperature non molto elevate) ed in zone epidemiche. I sintomi si manifestano su tutti gli organi della pianta e, nelle condizioni climatiche descritte, possono essere talmente gravi da distruggere completamente la produzione, sia per un attacco diretto alle bacche che per un completo avvizzimento e disseccamento della vegetazione. Sulle foglie il sintomo si evidenzia inizialmente con aree decolarate più o meno ampie, marginali o interne, ben presto queste inscuriscono assumendo un aspetto verde scuro intenso e poi brunastro-bronzeo. In queste aree i tessuti perdono di turgore, appassiscono poi necrotizzano e, come ultimo momento, disseccano.Nella pagina inferiore della foglia, se le condizioni termo-igrometriche rimangono elevate in corrispondenza della sintomatologia, compare una muffetta biancastra di evasione; l’evasione si può facilitare in camera umida. Questa sintomatologia, se la malattia non viene bloccata da interventi chimici e/o ambientali (condizioni climatiche avverse), tende ad estendersi a tutta la lamina fogliare, anche per le successive reinfezioni; successivamente si estende a tutto l’apparato aereo che avvizzisce e dissecca. Sui fusticini, sui piccioli fogliari e sui peduncoli fiorali il sintomo è analogo a quello delle foglie; si evidenzia generalmente, solo in caso di forti attacchi, con zone più o meno ampie allessate, di aspetto livido e necrotico, che possono interessare tutta la circonferenza dell’organo. Inoltre la necrosi si approfondisce fino ai tessuti conduttori, provocando strozzature e rottura delle parti sovrastanti, oppure blocco della attività metabolica che determina il successivo disseccamento della parte sovrastante. Sulle bacche la sintomatologia è tipica: si manifesta con aree edematose, di colore più intenso, inizialmente di aspetto sfumato. Successivamente queste zone si disidratano e divengono depresse; la parte interna raggrinzisce, imbrunisce ed assume una consistenza stopposa. Solo in condizioni di elevata umidità si forma, sulla parte colpita, una debole muffa biancastra ed i tessuti si mostrano meno consistenti. In caso di intensi attacchi questa sintomatologia interessa tutta la bacca, altrimenti rimane localizzata solo nelle zone colpite rendendo, in ogni caso, il prodotto non commercializzabile.


lotta

La lotta contro la peronospora del pomodoro è di tipo chimico. Per questo patogeno è molto importante impostare una razionale metodologia di lotta, basata soprattutto su interventi chimici mirati e tempestivi, al verificarsi delle prime condizioni ottimali per lo sviluppo endemico o epidemico della malattia. Recentemente sono stati messi a punto dei modelli previsionali, per il pomodoro coltivato in pieno campo, di indubbia utilità per gli agricoltori ai fini di condurre una lotta tempestiva e mirata.