Gli alimenti che stimolano le difese immunitarie…

Si avvicina la stagione invernale che nei prossimi mesi sottoporrà a una difficile prova di resistenza il sistema immunitario. Dovrà difendersi dagli sbalzi di temperatura e dalla diffusione di quei virus e quei batteri che proliferano meglio nei luoghi in cui sono radunate molte persone, come sui mezzi pubblici, nelle scuole, negli asili e negli uffici. Praticamente si è tutti coinvolti ma fortunatamente la natura fornisce all’organismo le soluzioni più adatte per difendersi.

Un ruolo chiave nello stimolo immunitario è giocato proprio da frutta e verdura che forniscono vitamine, minerali, fibre e antiossidanti. Le famose 5 porzioni giornaliere di verdura e frutta, suggerite dalle linee guida, garantiscono la giusta quantità e varietà di micronutrienti.

Nel rispetto della stagionalità, i cibi di colore viola e rosso come le barbabietole, le arance rosse e il melograno, contengono antocianine, potenti antiossidanti; quelli arancioni come zucca, carota e arancia bionda, ma anche cavoli e cavolini di Bruxellessono ricchi di carotenoidi, precursori della vitamina A, che protegge l’apparato respiratorio; la vitamina C di arancia, limone e kiwi è una vera è propria barriera per virus e batteri, così come la quercetina presente nelle mele.

Stimolando in famiglia l’abitudine di iniziare pasti con qualche verdure cruda e mangiando almeno un contorno pranzo e a cena, non è certo difficile arrivare addirittura a 6 porzioni di vegetali al giorno.

Per un inverno il più possibile “sano” io consiglio sempre ai miei pazienti di usare ogni giorno ortaggi di più colori e di variarli frequentemente nella propria dieta.

Nei climi continentali la natura arriva in aiuto dell’organismo con un tempismo straordinario e l’azione di crucifere o brassicaceee come broccoli, cavoli, cavolfiore e cavolini di Bruxelles, naturalmente disponibili nella stagione autunno/ inverno, è di particolare interesse proprio per la capacità di rimuovere dall’organismo molti inquinanti che facilitano, in inverno, lo sviluppo di malattie respiratorie.

Il sapore speciale delle crucifere è dovuto al sulforafano, un composto che fa del bene al sistema immunitario, perché rende più difficile l’infezione da parte di virus come quello dell’influenza e riduce la reattività allergica anche nelle persone asmatiche, riducendo quindi le difficoltà respiratorie.

L’inquinamento agisce stimolando l’infiammazione delle vie respiratorie e un lavoro pubblicato sull’International Journal of Food Science and Nutrition ha spiegato che anche solo 10 giorni in cui si mangiano più broccoli e altre crucifere, ha consentito di ridurre i livelli di infiammazione correlati al fumo o ad altri inquinanti. A maggior ragione, per il prossimo inverno, mettere sulla tavola broccoli, cavolini di Bruxelles e cavolfiori consentirà di ridurre gli effetti degli inquinanti soprattutto per chi vive in grandi città o in aree dove l’inquinamento resta elevato.

Fonte: Alimentazione Sana/Dott.Attilio Speciani medico allergo-immunologo, direttore scientifico GEK srl

Dott.ssa Angela Pinto

Dott.ssa Angela PINTO BIOLOGA E NUTRIZIONISTA Piani Alimentari individuali/personalizzati Consulenze Nutrizionali Riceve per appuntamento tutti i Martedi a Guidonia (Roma), via Umberto Maddalena 72 (c/o Studio Psicologico Anemos) e-mail: angelapinto@fastwebnet.it

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello