Essere grati ai nostri impollinatori

6 modi per mostrare gratitudine alle api, alle farfalle e ad altri impollinatori vitali

“È un’ape!” Qualcuno urla mentre salta dalla coperta da picnic, rovesciando il succo di mela e agitando le braccia, cercando di allontanarsi da questa creatura volante. Questa scena suona familiare?

Molte persone hanno paura delle api. E perchè no? Sembrano alieni. Hanno pungiglioni che fanno più male di quanto ti aspetteresti e alcune persone possono avere seri problemi a causa di allergie.  Ma contrariamente alle nostre paure, le api non sono insetti aggressivi e non inseguono gli esseri umani se non provocate. Quando ti vengono vicino, è solo perché hai qualcosa che considerano delizioso. E se sapessi tutto ciò che fanno per te, saresti felice di condividere il tuo cibo o bere con loro!

Più del 75 percento delle colture alimentari di tutto il mondo dipendono, in una certa misura, dall’impollinazione. Gli impollinatori, come api, farfalle, uccelli, falene, scarafaggi e persino pipistrelli, aiutano le piante a riprodursi. La frutta e la verdura sono in realtà il risultato di questo enorme lavoro di impollinazione. Spesso non pensiamo a questo aspetto silenzioso della natura, ma semi, frutta e alcune verdure provengono da una pianta che è stata impollinata. Le api hanno contribuito decisamente al nostro cibo per il picnic!

Tuttavia, c’è stato un preoccupante declino nella popolazione di impollinatori, in particolare api e farfalle, principalmente a causa di pratiche agricole intense, cambiamenti nell’uso del suolo, pesticidi (inclusi insetticidi neonicotinoidi), specie invasive aliene, malattie, parassiti e cambiamenti climatici. Circa il 35 percento degli impollinatori invertebrati, in particolare api e farfalle, e circa il 17 percento degli impollinatori vertebrati, come i pipistrelli, affrontano l’estinzione a livello globale. Gli agricoltori e i politici hanno un ruolo importante da svolgere nella salvaguardia dei nostri impollinatori. Ma ci sono anche cose che possiamo fare noi consumatori.

Suggerimento: restituisci il favore! Dai alle api il cibo che preferiscono coltivando piante autoctone nel tuo giardino. Le piante e gli impollinatori hanno una relazione reciprocamente vantaggiosa e simbiotica. Hanno bisogno l’uno dell’altro per sopravvivere e quindi si sono evoluti in quel modo. Le piante autoctone locali sono quelle che si adatteranno maggiormente alle api autoctone. Piantare una serie diversificata di piante autoctone che fioriscono in diversi periodi dell’anno può fare una grande differenza per gli impollinatori.

 Ci danno miele! Le api occidentali producono 1,6 milioni di tonnellate di miele all’anno! Questo meraviglioso prodotto è un dolcificante naturale che ha anche proprietà antibatteriche e antisettiche. Il miele ha fatto parte della civiltà umana per millenni. Gli antichi egizi usavano il miele per scopi medicinali; hanno anche usato la cera d’api per imbalsamare i morti e creare luce artificiale. Oggi, prodotti come miele, cera d’api e altri sottoprodotti forniscono un reddito aggiuntivo alle famiglie rurali.

Suggerimento: acquista miele crudo dagli agricoltori locali . Molti piccoli agricoltori locali e comunità forestali mantengono pratiche di apicoltura sostenibili. Puoi dare supporto acquistando miele, cera d’api o altri prodotti delle api, direttamente da loro.

Hanno una grande etica del lavoro : una singola ape in genere visita circa 7000 fiori al giorno e ci vogliono quattro milioni di visite ai fiori per produrre un chilo di miele. Ogni singola ape fa parte di una squadra che lavora instancabilmente per sostenere la crescita e la produttività del loro alveare raccogliendo più polline possibile, e allo stesso tempo impollinando molte specie di piante. Questa instancabile dedizione ha dato origine al detto “impegnato come un’ape”.

Suggerimento: premia queste instancabili lavoratrici creando una fonte d’acqua per loro. Le api hanno bisogno di acqua dopo aver ronzato tutto il giorno. Lasciare una ciotola di acqua pulita e poco profonda, con pietre o bastoncini in modo che le api non affoghino, è un buon modo per dare alle api un punto di riposo e un po ‘di ristoro necessario.

I frutti hanno un sapore migliore – Le piante ben impollinate producono frutta e verdura più grandi, più uniformi e più gustose.  Se non avviene una buona impollinazione, le piante non investiranno necessariamente le risorse in modo uniforme nella loro produzione, con conseguente frutta e verdura deforme o insipida. Una mela deformata, ad esempio, potrebbe indicare che la pianta ha avuto un’impollinazione insufficiente o sbilanciata!

Suggerimento: evitare pesticidi, fungicidi o erbicidi nei giardini. Possono uccidere gli impollinatori e avvelenare gli alveari con nettare contaminato o polline portato dalle api da piante contaminate. Prova a trovare soluzioni naturali ai parassiti per le piante nel tuo giardino.

 Aumentano la produzione e la sicurezza alimentare – In uno studio recente si evidenzia che dove l’impollinazione è stata ben gestita, come in piccole aziende agricole, i raccolti sono aumentati in media del 24 %! Le api e altri insetti impollinatori stanno migliorando la produzione alimentare di 2 miliardi di piccoli agricoltori in tutto il mondo, contribuendo a garantire la sicurezza alimentare per la popolazione mondiale. La caccia al miele delle colonie di api selvatiche rimane una parte importante del sostentamento delle popolazioni che dipendono dalle foreste in molti paesi in via di sviluppo.

Suggerimento per gli agricoltori: creare un buon habitat per le api per garantire l’impollinazione. Lascia alcune aree della tua azienda come habitat naturale. Crea siepi con piante autoctone che fioriscono in momenti diversi durante l’anno e pianta colture attraenti come girasole e alberi da frutto come pesco e albicocco. Riduci l’uso di pesticidi e lascia intatti i siti di nidificazione delle api.

Mantengono la biodiversità – L’ impollinazione è uno dei processi più importanti della natura per conservare e incrementare la biodiversità. Ci aiuta a produrre una grande varietà di piante molte delle quali sono colture per usi alimentari. Si stima che il 90% delle piante da fiore del mondo dipenda dall’impollinazione per la riproduzione. E sebbene spesso trascurate, le api e l’apicoltura forestale aiutano a sostenere gli ecosistemi poiché l’impollinazione aiuta la rigenerazione degli alberi che a sua volta aiutano a preservare la biodiversità.

Suggerimento: scopri di più sulle api e sconfiggi la tua paura. Osservando queste creature, ti accorgerai presto che non sono affatto pericolose. Non tutte le api pungono e quelle che lo fanno, lo fanno per una ragione. La puntura è solo un meccanismo di autodifesa. Non pungono intenzionalmente gli umani. Comprendendo meglio come rispettarle, puoi evitare incontri spiacevoli e imparare a convivere in pace con queste creature fondamentali per la nostra esistenza. Impariamo ad informare e promuovere il rispetto delle api per il benessere delle generazioni future e del nostro pianeta.

Fonte: FAO

#oidio #rosa #malattiedellerose #funghi acqua Agricoltura agricoltura biologica alimentazione alimenti biodiversità biologico bremia calcio concimi dacus oleae escoriosi fitopatologia formulamayer fotosintesi fotovoltaico humus insetticidi irrigazione lattuga lotta integrata magnesio marciume apicale mayer braun Micelio micorrize mosca dell'olivo nutrizione Oidio olivo olter ortaggi peronospora pomodoro Riflessioni risparmio idrico rogna dell'olivo sostanza organica stomi tignola traspirazione trattamenti Trilussa vite

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello