Identificazione e danno

La Saissetia oleae è un Coccide diffuso nelle aree a clima mite e temperato, tuttavia è presente anche in zone più fredde dove vive soprattutto nelle serre. La femmina adulta (circa 5 mm di lunghezza) è di forma ovale, con corpo fortemente convesso che porta carene formanti, sul dorso, una figura che ricorda una ”H”. Il colore è marrone; in fase di ovideposizione il colore si inscurisce e diviene quasi nero. Il maschio, che è dotato di ali, compare raramente.

Le neanidi che sono giallognole, divengono più scure durante lo sviluppo. Il danno si manifesta sui rami e sulle foglie ed è determinato dalle punture di nutrizione. Sulle foglie le Cocciniglie si fissano nella pagina inferiore, lungo la nervatura mediana; l’attacco sottrae linfa causando ostacolo allo sviluppo dei germogli, nonché minore produzione di frutti che facilmente cadono. In generale si assiste ad un deperimento della pianta con disseccamenti di rami e di foglie; le conseguenze dell’attacco si manifestano anche nella produzione degli anni futuri. Inoltre la Saissetia oleae è produttrice di abbondante melata che oltre a creare asfissia e a provocare ustioni (effetto lente), richiama formiche (queste stimolano la Cocciniglia a produrre ancora più melata) e favorisce l’instaurarsi di fumaggini che aggravano ulteriormente i danni.

Ciclo biologico

La Saissetia oleae sverna come neanide di seconda e terza età. Raramente può svernare anche come femmina immatura o in ovideposizione; dalle femmine svernanti, nei climi più caldi ad inverno mite, possono formarsi le neanidi anche prima della fine dell’inverno. Lo sviluppo delle neanidi svernanti si completa tra la primavera e l’estate (fine giugno-inizi luglio). In questo periodo le femmine, che man mano divengono adulte, si riproducono per partenogenesi e depongono le uova che mantengono protette dal corpo materno. L’ovideposizione si completa, nella maggioranza dei casi, verso la fine di luglio; il momento di maggior comparsa delle neanidi è generalmente compreso tra la seconda metà di luglio e il mese di agosto. La maggior parte delle neanidi è destinata a svernare; solo le prime neanidi, quelle comparse in primavera, riescono a completare lo sviluppo e a riprodursi, nella tarda estate-inizi autunno. Queste possono originare una seconda generazione oppure trascorrere l’inverno come femmine immature. La Saissetia oleae compie, pertanto, 1 o 2 generazioni all’anno. Le infestazioni e lo sviluppo del fitofago sono favorite da un clima invernale mite, estati umide e con temperature non troppo elevate; le temperature elevate, la bassa umidità atmosferica e le intense insolazioni sono fattori che determinano una forte mortalità delle neanidi. Infine l’eccesso di concimazioni azotate favorisce la pullulazione del fitofago.

acqua agricoltura biologica alimentazione alimenti biodiversità biologico calcio concimazione concimi dacus oleae difesa biologica erboristeria escoriosi fisiologia vegetale fitopatologia formulamayer fotosintesi glomus humus insetticidi irrigazione lotta integrata magnesio marciume apicale mayer braun Micelio micorrize mosca dell'olivo nutrizione Oidio olivo olter ortaggi peronospora piante medicinali pomodoro resistenza rogna dell'olivo salute sostanza organica stomi traspirazione trattamenti Trilussa vite